Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies tecnici. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra   Cookies Policy    
10:00
13:00
22 OTT

Costruzioni Digitalizzate e Manifattura 4.0: le Ipotesi di Lavoro di ISTeA

location Sala Melodia - Centro servizi blocco B

Questo evento eroga crediti formativi

 

A cura di ISTEA – in collaborazione con SAIE

 

Una definizione precisa, o condivisa unanimemente, di Industria 4.0 probabilmente non esiste, anche se il fine, a partire da Henning Kagermann, sembra essere quello di mettere in relazione, in tempo quasi reale, le attese personalizzate del cliente geolocalizzato con una catena di fornitura prevalentemente rimpatriata, interamente digitalizzata, connessa dal rapporto tra uomini e macchine.
Molto difficile, è poterne offrire una, peraltro, partendo da un punto di vista eccentrico, quale quello delle Costruzioni, in cui una traduzione letterale della Quarta Rivoluzione Industriale, pur parzialmente operabile tra fabbrica e cantiere, avrebbe un esito eccessivamente riduzionista.
Per questa ragione, il Settore delle Costruzioni, o, più esattamente, il Settore dell'Ambiente Costruito, si trova nella necessità di fornire del 4.0 una interpretazione originale che riguarda, tra Internet of Things e Smart City, una sorta di Industria della Persona(lizzazione), che Accenture ha definito Living Services, e che IBM intende supportare attraverso il Cognitive Computing.
In un certo senso, questa Digitized Industry of the Built Environment rappresenta il contesto, lo sfondo, entro cui si manifesta la Manifattura 4.0.
Entro questo ambiente, infatti, si muovono i Decisori Politici e Amministrativi che rendono possibile la Quarta Rivoluzione Industriale, ma, soprattutto, si traducono in termini «sociali» tanto le innovazioni più direttamente ascrivibili al 4.0 e ai suoi prodotti, come l'Autonomous Driving su cui hanno investito, tra gli altri, Uber e il BMVI del Governo Federale Tedesco, quanto la Smart Home, l'Intuitive Building e altro.
D'altra parte, se, da un lato, il Settore delle Costruzioni sembra essere ignorato, o almeno trascurato, dal Programma Nazionale Industria 4.0, dall'altro, il ritenere che esso si esaurisca nel Building Information Modeling (BIM) appare una attitudine rischiosa.
Accanto, dunque, alle Reti di Luoghi Produttivi della Manifattura, in cui finiscono per essere inglobati, in filiera, i clienti finali, e alle Reti di Fabbriche e Cantieri che ne rappresentano l'analogo letterale nelle Costruzioni, il vero e proprio tòpos del 4.0 nelle Costruzioni è dato dal Sistema, dal Distretto Urbano o Territoriale, dei Cespiti Immobiliari e Infrastrutturali connessi alle Reti Materiali e Immateriali, secondo un'altra declinazione del Man-To-Machine.
Sino a che, però, ciò non si tradurrà in forme professionali e imprenditoriali inedite, ibridate, eterogenee, tutto questo resterà allo stato potenziale.
Quali super ammortamenti saranno praticabili per questa eventualità?

 

 

PROGRAMMA

 

10.00

Introduzione: verso Casa Italia

Angelo Ciribini – Università Brescia

Giuseppe Di Giuda – Politecnico di Milano

 

10.30

Le Costruzioni nell'Economia Circolare

Giuseppe Alaimo

Maurizio Nicolella – Università di Napoli

 

11.00

Le Costruzioni nell'Economia Digitale

Bruno Daniotti – Politecnico di Milano

Pietro Capone – Università di Firenze

 

11.30

Tra Manifattura e Costruzioni

Berardo Naticchia – Politecnica delle Marche

Alessandro Carbonari – Politecnica delle Marche

 

12.00

L'Intelligenza degli Edifici

Guido dell'Osso – Politecnico di Bari

 

12.30

Dibattito e Conclusioni

 

 

Questo corso eroga crediti per Ingegneri
Questo corso eroga crediti per Architetti
Questo corso eroga crediti per Geometri
 



REGISTRATI AL SAIE


La registrazione non dà diritto a un posto riservato.
L’ammissione in sala sarà consentita fino a esaurimento dei posti disponibili.




Organizzatori



In collaborazione con


TORNA AL PROGRAMMA