Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies tecnici. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra   Cookies Policy    

Conoscere, collaborare e realizzare nelle città dei dati

A tre anni dalla prima edizione Smart City Exhibition, la manifestazione organizzata da BolognaFiere e Forum pa dedicata ai temi delle città intelligenti, delle reti tra territori e tra persone, arricchisce la  piattaforma Saie Smart House con nuovi input e con le più attuali riflessioni sul tema della rete dei dati tra città intelligenti.

#SCE2015 (dal 14 al 16 ottobre a BolognaFiere) intende infatti proseguire il percorso di valorizzazione delle città e delle comunità intelligenti come piattaforme abilitanti nuovi modelli di governance, nuovi servizi e nuove pratiche di collaborazione tra cittadini concentrandosi sulla materia prima dell’innovazione: l’informazione.

CITIZEN 

DATA

RETI

perché la digitalizzazione dei processi, l’apertura dei dati, la gestione efficiente delle reti, degli edifici e degli ambienti interconnessi abilitano nuovi servizi per i cittadini e per le imprese, che vengono chiamati in causa non più come meri fruitori, ma come partner delle PPAA nell’individuazione, nella sperimentazione e nella condivisione delle soluzioni.

 

perché solo attraverso la produzione, la liberazione,  e l’utilizzo efficace dei dati, le città  e i territori – caratterizzati ormai da un insieme di flussi informativi e reti di relazioni e comunicazioni, fisiche e digitali – sono in grado di creare capitale sociale, benessere per le persone e migliore qualità del vivere e dell’abitare.

 

perché c’è bisogno che i protagonisti della data revolution  facciano rete in ambienti informali e stimolanti in cui – attraverso un alternarsi di panel, workshop, dimostrazioni di prodotti e soluzioni, - si incontrano i bisogni dei cittadini, le pratiche dei tecnici, le policy degli amministratori, le visioni degli esperti e le proposte del mercato.

 

Le tre grandi aree su cui si concentra #SCE2015 sono: le fonti dei dati, i modelli  di analisi e le tecnologie abilitanti e applicative necessarie per la concretizzazione dei progetti.

LE FONTI: il patrimonio di dati e di informazioni delle Città dei Dati  è enorme. Per primi, i dati prodotti dal funzionamento stesso delle città, si pensi alle statistiche infrastrutturali che sempre più spesso vengono restituiti sotto forma di Open Government Data. Poi ci sono i dati prodotti dai sensori distribuiti, oramai, in qualsiasi dispositivo: dagli edifici fino al telefonino che abbiamo nelle tasche. E’ l’internet delle cose (Internet of Things) connesse che producono informazioni in tempo reale. Sempre più importanti sono poi le informazioni, aggiornate ogni secondo in tutto il mondo, che scaturiscono dalle interazioni sui Social Media. Informazioni che possono essere elaborate e utilizzate per modelli predittivi o per capire i gusti e le opinioni del pubblico: è la cosiddetta Sentiment Analysis, oggi applicata praticamente su tutto. Senza dimenticare i dati provenienti dai sistemi di Citizen Relationship Management, fondamentali per comprendere bisogni e comportamenti dei cittadini, e i Census Data utilizzati per la ricerca, la pianificazione delle policy e il business marketing.

I MODELLI: #SCE2015 è il luogo dove i vertici politici e amministrativi e i dirigenti tecnici delle amministrazioni italiane e delle società fornitrici di servizi pubblici – il cui compito è saper cogliere al meglio le opportunità fornite dalla data revolution – incontrano modelli e piattaforme di analisi che permettono di programmare politiche più efficaci e implementare servizi più efficienti, dalla Data Driven Decision alla Big Data Analysis, dai processi di Business Intelligence ai Dashboard di monitoraggio e ai sistemi di Data Visualization.

LE TECNOLOGIE: un efficace utilizzo dei dati per il governo delle funzioni chiave del territorio (dalla fornitura dei servizi pubblici essenziali alla rigenerazione urbana, dall’assistenza sanitaria alla mobilità, dalla gestione efficiente degli edifici alla valorizzazione del patrimonio artistico) può realizzarsi solo attraverso un uso diffuso delle tecnologie. Dalle infrastrutture di trasporto dati, ai sistemi di data storage, dalle piattaforme web aggregative alle mobile App e ai sensori sempre più piccoli e performanti, le tecnologie sono alla base di un nuovo modo di programmare le politiche pubbliche fondato sulla cultura del dato: dall’informazione alla conoscenza, dalla conoscenza alle decisioni, dalle decisioni all’execution!

TARGET 

Il pubblico di elezione di #SCE2015 è composto dai responsabili politici, amministrativi e tecnici dei programmi d’innovazione nelle città, nelle aree metropolitane e delle strutture regionali dedicate, a cui si aggiungono gli operatori delle aziende di servizi pubblici e le multiutilities che individuano nell’efficace utilizzo dei dati un asset strategico per lo sviluppo.

Un ruolo fondamentale in manifestazione è inoltre giocato dai protagonisti del mercato, dai responsabili delle politiche appartenenti al Governo nazionale, dagli enti di ricerca e gli ospiti internazionali, e dai componenti delle associazioni del terzo settore e della cittadinanza organizzata.

Per ciascun percorso del programma e ciascuna area di interesse vengono individuati target mirati che sono coinvolti attivamente nei lavori attraverso un’efficace strategia di direct marketing e di collaborazione nell’impostazione dei contenuti.