Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies tecnici. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra   Cookies Policy    

ExpoTunnel 2016: l’edizione che ha illustrato le sfide vinte del tunnelling

Maggiori presenze internazionali di espositori e visitatori

ExpoTunnel 2016: l’edizione che ha illustrato le sfide vinte del tunnelling

 

Sempre più sinergia tra aziende, professionisti e ricerca per raccontare le grandi opere epocali come il traforo del Gottardo e i grandi progetti ingegneristici del sotterraneo

 

Circa 90 gli espositori di cui il 33% stranieri. Un incremento del 13% rispetto all’edizione del 2014. Maggior presenza di visitatori stranieri e grande lavoro di sinergia tra aziende, professionisti e ricerca per raccontare le sfide vinte sul fronte innovazione, mercati, energia, ambiente e sociale nel settore delle Grandi Opere del sotterraneo. Si chiude con successo l’edizione 2016 della manifestazione biennale ExpoTunnel, il Salone Professionale delle Tecnologie per il Sottosuolo e delle Grandi Opere, dal 19 al 21 ottobre al quartiere fieristico di Bologna (PAD. 21 e 22).

 

ExpoTunnel è  un salone consolidato e diventato biennale dopo due edizioni di successo a Bologna dal 2013 ad oggi ed è entrato a far parte infatti delle manifestazioni di BolognaFiere e in modo permanente della Piattaforma delle Costruzioni, portando il suo contributo di qualità del Made in Italy nel mondo.

 

Uno dei fili conduttori che si sono evidenziati in questa edizione è l’importanza del lavoro di gruppo, che permette di realizzare nella sua complessità le grandi infrastrutture del sotterraneo che rispondono ai bisogni dei territori.

 

“La crescita di ExpoTunnel negli anni è confermata da questa edizione, sia sul fronte dei convegni internazionali che degli eventi speciali, in sinergia con le opere illustrate nella parte espositiva. Le presenze internazionali di espositori e visitatori sempre maggiori confermano la sfida vinta sul fronte della internazionalizzazione del salone-  afferma Sara Leanza, responsabile di ExpoTunnel e vicepresidente di Conference Service – Si vede un orizzonte positivo per i progetti e gli scavi per il mondo del tunnelling e di cui vedremo in Italia e all’estero gli effetti nei lavori dei prossimi due anni. Vi aspettiamo per l’edizione2018”.

 

Le aziende creano e innovano con ingegneri, professionisti e ricercatori che lavorano in sinergia con altre realtà in Italia e nel mondo, con le università, le istituzioni nazionali e internazionali.  Una formula, che da decenni è il motore evolutivo dell’innovazione e delle eccellenze nel settore del tunnelling.

 

In questa ottica i convegni internazionali di ExpoTunnel 2016 hanno  rappresentato una formula di divulgazione dove le realtà aziendali e professionali hanno raccontato la realizzazione delle infrastrutture innovative a braccetto con gli studiosi:

 

La galleria di Base del Gottardo va ricordata sia per le sfide vinte sugli aspetti geologici, costruttivi e sulle tecnologie innovative per realizzare il tunnel ferroviario più lungo e profondo del mondo, ma anche per quelle vinte sulle decisioni, che hanno coinvolto l’impatto delle infrastrutture negli ambiti economici, di mercato, occupazionali, sociali, culturali e che coinvolgono i cittadini e la governance dei territori. Gli effetti del Gottardo non sono solo quantitativi, nonostante i numeri eccezionali di una opera epocale, ma anche e soprattutto un cambiamento di mentalità che il traforo ha generato. L’impatto sulla crescita della costruzione di una infrastruttura ha infatti sicuramente valore economico, sociale e politico ma il valore della stessa “decisione”, è fondamentale per la crescita” ha affermato Lanfranco Senn, Responsabile scientifico CERTeT - Università Bocconi.

 

L’evento  è  stato  organizzato  da  ExpoTunnel  insieme  alla  preziosa   collaborazione scientifica e istituzionale di CERTeT - Università Bocconi e Ambasciata di Svizzera in Italia. Ricordiamo che in questo contesto la Galleria di Base del San Gottardo, della lunghezza di 57,1 km, dopo 17 anni di costruzione è stata inaugurata il 1 giugno 2016. Rappresenta il cuore del Corridoio merci europeo Reno-Alpi (che attraversa cinque Paesi: Paesi Bassi, Belgio, Germania, Svizzera e Italia) e fa parte della Nuova ferrovia transalpina (NFTA) della Svizzera. La messa in servizio commerciale da parte delle Ferrovie Federali Svizzere è prevista  l’11  dicembre  2016.  Un  “anello”  che  unisce  dai  porti  liguri  del  Nord  Ovest dell’Italia fino al Nord Europa (Corridoio TEN-T Reno-Alpi).

 

L’Ordine dei Geologi dell’Emilia Romagna, che da tempo sono attivi nella comunicazione e divulgazione scientifica su problemi fondamentali che riguardano il territorio italiano, hanno organizzato il 19 ottobre l convegno“I grandi impianti di Geotermia. Stoccaggio di calore e District Heating”. Gabriele Cesari, presidente Ordine dei Geologi dell’Emilia Romagna, ha offerto uno spaccato interessante di ciò che accade oggi: “Il contributo che  può  dare  la  geotermia  nell'ambito  delle  sfide  energetiche  e  nelle  politiche  di contrasto ai cambiamenti climatici è molto rilevante ed ancora poco conosciuto. I dati contenuti nel Piano Energetico  della Regione Emilia-Romagna indicano che oltre metà dei consumi energetici sono relativi al riscaldamento e raffrescamento. Molto maggiori rispetto ai consumi elettrici (20% circa) ed alla mobilità (30% circa). In Italia ed in Europa la situazione è la stessa. Eppure si incentivano poco le Rinnovabili Termiche, rispetto alle Elettriche o alla mobilità sostenibile.

 

Sono state Illustrate le sfide vinte nella realizzazione delle grandi opere e di quelle future, dove protagonista è stata l’ingegneria italiana e internazionale nel pomeriggio del 20 e nella giornata del 21 ottobre, con il convegno “Le sfide per la realizzazione di grandi opere in sotterraneo: progettazione, costruzione e gestione di opere complesse e sfidanti” organizzata da SIG- Società Italiana Gallerie”, membro italiano della ITA- International Tunnelling Association, federazione internazionale che rappresenta il mondo tunnelling.

 

Si ricorda anche evento speciale “Innovazione e tecnologia: il tunnel intelligente”, a cura di ANAS e AIPCR, il 20 ottobre.

I concessionari stradali negli ultimi anni stanno concentrando sempre di più la propria attenzione sulla natura delle tecnologie installate nelle gallerie stradali e sulla necessità di ottenere una corretta gestione sia in esercizio ordinario che durante le possibili fasi di emergenza. Questa  impostazione secondo i  curatori  del  convegno  va  implementata nelle  funzionalità  di  una  Sala  Operativa  moderna  con  una  gestione  centralizzata  e contemporanea di più arterie stradali al cui interno sono presenti più gallerie, al fine di poter definire delle procedure alternative in caso di necessità, un vero e proprio esperto a supporto delle decisioni.

 

C.I.S.P. Centro Italiano Smalti Porcellanati, ha organizzato il   21 ottobre il workshop dal titolo " Pannelli di Acciaio Smaltati per il Rivestimento delle Gallerie: Durevolezza e Life Cycle Assessment, Classificazioni e Norme, Aspetti progettuali". Obiettivo del Workshop è stato illustrare la tecnologia dello smalto porcellanato, utilizzato come rivestimento dei pannelli di acciaio. Sono stati trattati aspetti quali la sua natura chimica, il ciclo di vita, la resistenza agli shock termici e al fuoco, i bassi costi di manutenzione e l’appeal estetico, compresi gli aspetti di igienicità e supporto all’illuminazione.

 

ExpoTunnel dà appuntamento alla prossima edizione nel 2018.

 

Tutte le informazioni e gli aggiornamenti sono disponibili su  www.expotunnel.it

 

 

 

GUARDA I Numeri 2016